Ven. Nov 27th, 2020

BIM: L’Italia è pronta a compiere questo passo? Gli studenti del Fermi sì

Il termine BIM , acronimo di ”Building Information Modeling” ovvero Modello di Informazioni di un edificio, sta ad indicare la rappresentazione digitale delle caratteristiche fisiche e funzionali di un oggetto. Con l’ausilio del BIM è possibile riprodurre un modello virtuale di un edificio, che non ne è una semplice rappresentazione tridimensionale, bensì è un modello dinamico che contiene una serie di informazioni riguardanti :

  • Materiali;
  • Struttura portante ;
  • Impianti ;
  • Sicurezza ;
  • Manutenzione ;
  • Costi ;
  • Caratteristiche termiche e prestazioni energetiche.

In seguito alla firma del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, avvenuta nel dicembre 2017, il decreto n. 560 è stato ufficialmente pubblicato sul sito del MIT ( Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ).

Con l’entrata in vigore del decreto  le stazioni appaltanti dovranno utilizzare il Building Information Modeling per tutti i lavori superiori a 100 milioni di euro e il programma verrà progressivamente esteso agli appalti di importo inferiori, fino a introdurlo in tutto il sistema dei lavori pubblici nel 2025.

Per questo gli studenti CAT dell’ ISIS Fermi-Mattei di Isernia hanno accettato la sfida: prendere parte a un corso di formazione per Geometri della durata di 120 ore, divise in tre fasi.

La prima fase sarà presieduta dai docenti d’istituto Luciano Perissutti, Vito Romito, Vincenzo Castaldi e Ambrosina Putaturo.

Essa si articolerà in tre incontri da 10 ore totali, in cui gli alunni verranno a conoscenza del progetto e delle sue tematiche fondamentali, analizzate nella loro metodologia applicativa e per quanto riguarda le  competenze professionali richieste.

Si tratterranno quindi le caratteristiche architettoniche di un edificio, la sicurezza nei Luoghi di Lavoro e infine l’Efficientamento Energetico.

Nella seconda fase, della durata di 50 ore, curata dal Geometra Romano Romano e dal docente Vito Romito, sarà incentrato sull’utilizzo del programma di disegno digitale in 3D, 4D e 5D.

Il progetto, finanziato dal MIUR, si completerà però soltanto dopo la terza fase, che si svolgerà nel periodo estivo, nella quale i ragazzi delle classi quarte e quinte dell’istituto, divisi in gruppi di tre, verranno ospitati da aziende in cui potranno mettere in pratica le nozioni apprese durante la seconda fase.

Bisogna sottolineare che questa nuova offerta formativa proposta dall’ ISIS Fermi-Mattei è un’assoluta novità nel panorama nazionale degli Istituti ad indirizzo CAT, in quanto il BIM non rientra nella professionalizzazione dei loro percorsi.

Ancora una volta quindi il CAT del Fermi si pone all’avanguardia nazionale,  interpretando i tempi e le più nuove esigenze del mondo del Lavoro, nella continua specializzazione e professionalizzazione dei propri studenti che con questa nuova certificazione saranno in grado di utilizzare un software da disegno da pochi conosciuto.

Stefano Berardi, Vincenzo Di Placido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *